By

Bloody Loss

Notizie, Postgame

 

L’MBA torna a casa sconfitta dopo la trasferta a Noale, e sebbene la serie sia diventata tutta in salita, non ci si pu? rimproverare troppo dato che perdere di soli due punti dopo un doppio overtime significa aver dimostrato di essere una grande squadra, e di aver combattuto veramente all’ultimo sangue.

 

Sfortunatamente l’incipit non ? dei migliori, con l’assenza importantissima di Salmaso; in compenso si ritrova Fedalto, finalmente recuperato dopo l’infortunio, e si inizia la gara al palatenda con lo spirito giusto. Purtroppo, i Precari erano decisamente in serata e hanno dimostrato fin dal primo quarto come le loro percentuali di tiro fossero di estremo livello. Nonostante infatti la zona non lasciasse troppo spazio, i buoni tiri presi sono andati quasi sempre a segno, rendendo difficile per il Mira restare al passo. Come se non bastasse, la squadra di casa ha applicato fin dall’inizio un pressing difensivo che rendeva ostico portare la palla in attacco, e costringeva i playmaker a scelte affrettate, con il risultato di perdere tanti, troppi palloni importanti. Purtroppo questa problematica sar? destinata a caratterizzare un po’ tutto il match, a fasi alterne: passaggi precoci per superare la met? campo, poi intercettati, oppure rimesse fatte con leggerezza, tutto si traduceva in possessi regalati al Noale, il quale, con quelle pecentuali, non si faceva certo pregare per cogliere la palla al balzo. Il primo tempo si chiude 22 a 15 per gli ospiti.

Il secondo quarto vede qualche cambio ma soprattutto il passaggio alla difesa a uomo, ritenuta pi? adatta a gestire una situazione che rischiava di sfuggire di mano. Il risultato ? stato senza dubbio buono, riuscendo a contenere pi? spesso le incursioni avversarie, soprattutto di Barbiero, davvero in serata – tiri liberi a parte. Il drawback del nuovo approcio dfensivo ? stato un aumento dei falli, altro problema destinato a caratterizzare il match negativamente. Distribuendo la palla discretamente, si riesce comunque a restare in partita (18 a 16 il parziale per la formazione di casa) e si torna negli spogliatoi per? 40 a 31, a 9 lunghezze di distanza.

 

Uno dei progressi raggiunti in questi mesi ? senz’altro la presenza di spirito e la capacit? di restare in partita anche nei momenti difficili: ? cos? che l’MBA torna in campo con fermezza, decisi a non lasciare la vittoria facilmente ai Precari, che risultano intimoriti dalla difesa pi? pressante, che recupera molti palloni, e da soluzioni offensive che trovano falli e conseguenti tiri liberi. Buoni tiri, fade away e qualche tocco di classe (magari anche un po’ fortunato) regalano un vantaggio offensivo che permette di chiudere con un parziale di 24 a 18 e tornare prepotentemente in partita.

Inizia cos? il quarto quarto, e la squadra ha l’intelligenza di capire che ? il caso sfruttare di pi? il gioco sotto canestro, dove si trovano falli facili: diventa quindi il tempo di Fedalto che fa 9 punti di fila, pi? o meno tutti nello stesso modo, e in breve ci si ritrova a giocare punto a punto. Probabilmente si sarebbe anche potuta portare a casa la partita prematuramente se non si fossero persi alcuni palloni o non ci si fosse presi qualche tiro non dovuto. Inoltre, il problema falli inizia a farsi sentire e la prima vittima ? Radolovich che ? costretto a uscire a 2 minuti dalla fine.
In ogni caso, canestro dopo canestro, ci si ritrova a -2, a pochi secondi dal termine. Un provvidenziale timeout dalla panchina permette di ripartire da met? campo, un buon schema di rimessa regala il tiro a Ferrarese che segna il buzzer beater con un jumper da manuale e procrastina l’esito del match di altri 5 minuti. Punteggio 71 pari.

Nel primo tempo supplementare, le squadre giocano in maniera bilanciata, e nessuna riesce veramente a prevalere sull’altra.
Purtroppo per?, Fedalto riceve una potente gomitata che gli procura un taglio netto sulla testa, e causa sanguinamento ? costretto a lasciare il campo.
Senza di lui – che non pu? neppure tirare i due tiri liberi di diritto – la squadra comunque regge, ma ? costretta a ripetersi sul -2 a pochi secondi dalla fine. Ancora una volta timeout, schema per la rimessa, e questa volta palla a Frison, che si gira sul piede perno e piazza un tiro eccellente che regala un secondo tempo supplementare, in una partita dai ritmi a dir poco serrati.

Fintanto che in campo si gioca, punto a punto, in panchina si cerca di medicare Fedalto al meglio possibile, con una fasciatura degna della croce rossa, in modo da farlo tornare in campo a dare il suo contributo. Purtroppo per? il gioco dura poco, dato che il quinto fallo lo costringe a tornare in panchina dopo un paio di minuti; come se non bastasse, nelle battute finali anche Frison esce per falli, e la squadra, per l’ennesima volta sotto di due punti (troppi tiri liberi sbagliati!) dopo una tripla avversaria davvero fortunata, tenta di nuovo il miracolo, che questa volta non riesce, stroncato da un fischio arbitrale, ultimo atto di una partita che viene infine consegnata ai Precari. Finisce 89 ad 87, forse la lotta pi? dura cui l’MBA ? stata finora sottoposta.

C’? grande rammarico se si pensa che mancava veramente poco, e dopo il recupero e la fatica fatta, la sconfitta ? arrivata davvero per un soffio. D’altro canto, dopo due overtime e due buzzer beater, si tratta anche di quei match in cui le due squadre si equivalgono a tal punto che basta davvero poco per cambiare le cose.

Il dispiacere per? dovr? durare ben poco: gara 2 (Venerd? 27 a Mira) sar? un capitolo completamente nuovo cui bisogner? arrivare concentrati con l’unico pensiero di vincerla, e l’unico modo per farlo ? lavorare sugli errori di oggi.

Tabellino: Fedalto 21 (+3 di sutura), Ferrarese 17, Radolovich 12, Ratto 12, Lazzarin 10, Frison 8, De Benetti 2, Carraro G. 2, Cazzuffi 2, Bertocco 1

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *