By

L’MBA spezza le ali ai Leoni volanti!

Notizie, Postgame

 

Dopo tanta agonia, il Mira conquista la sua prima sudata vittoria contro i Flying Lions Red del Marghera, i quali hanno dato del filo da torcere fino all’ultimo secondo.

Ad una prima analisi, la carta vincente per portare a casa il match era insistere sul piano fisico, dato che l’MBA in teoria poteva vantare maggiore reattivit? e resistenza. Un gioco veloce quindi, unito ad una difesa pressante, erano la chiave per dominare la gara, ed ? proprio con questi intenti che si ? iniziata la partita. Peccato che di tutto questo, in campo si sia visto molto poco, con l’incapacit? di sfruttare appieno i buchi difensivi avversari e soprattutto una difesa molliccia, che concede la bellezza di 5 triple (15 punti) nel primo quarto. Sorprendente, se si considera che si trattava di una difesa a uomo, che troppo spazio sugli esterni non dovrebbe lasciare (per quanto vada datto atto alla estrema precisione balistica degli avverrsari). Si torna quindi in panchina con un parziale disastroso di 29 a 14 per gli ospiti e una partita sulla carta abbordabile intenzionata a trasformarsi in un incubo.

Quando si faceva sempre pi? nitido il fantasma del fallimento nella squadra, la capacit? di riordinare le idee e mantenere la mente fredda, nella convinzione che bastava un po’ pi? di grinta per far valere le nostre qualit? tecniche e dominare la gara, ha permesso di rientrare in partita piano piano. Questa volta il parzialone lo fanno i padroni di casa, che riescono a penetrare abbastanza facilmente le non troppo strette maglie difensive dei Lions, ma che soprattutto iniziano a difendere decentemente, senza concedere oltre il dovuto. Il Marghera deve arrendersi alla verve del Mira che totalizza un parziale di 31 a 12, peccato solo per un attimo di nervosismo (misto ad autismo) finale che non ha permesso di tornare negli spogliatoi sulla tanto agognata parit?. 42 a 37 il punteggio.

Nella ripresa si decide di difendere in maniera pi? aggressiva, per tentare di spremere fino all’ultimo le energie avversarie. Il pressing da met? campo funziona discretamente, nonostante qualche incertezza iniziale, e si riesce a tenere a freno gli avversari, che faticano un po’ su ogni fronte. Per contro, tuttavia, l’attacco dell’MBA rallenta, non riuscendo a segnare come in precedenza, in particolare faticando nel pitturato, complice la difesa a zona e la presenza fisica maggiore degli avversari. Un tempo di sostanziale stallo (11 a 12) e si rientra sul 48 a 54 per il Marghera.

Nell’ultimo quarto, la partita rimane in salita, perch? bisogna recuperare quei sei punti e i Flying Lions Red non ne vogliono sapere di cedere il passo e lo dimostrano con la grinta che li contraddistingue da sempre. Per l’MBA, la tattica non si cambia, si continua a pressare il pi? possibile, per quanto qualche fallo sciocco sfugga, e di battere gli avversari in difficolt?, magari conquistando qualche fallo con conseguenti preziosi tiri liberi. Pian piano si riesce a recuperare, arrivando punto a punto, a pochi minuti dalla fine. Un paio di triple miracolose facilitano il percorso e ci si ritrova a pochi secondi sotto di 1 punto. Un contropiede costruito grazie alla difesa asfissiante regala il canestro decisivo, a due secondi dal fischio, che non bastano per ribaltare un esito ormai scolpito sul marmo. Termina 71 a 69 e il Mira vince finalmente la sua prima partita.

Un match non perfetto, che poteva essere giocato meglio, ma si ? iniziato finalmente a fare quello che era necessario per diventare competitivi, sia sul fronte offensivo che difensivo. Non resta che perseverare e non mollare la presa.

Tabellino: Fistarollo 20, Usai 17, Bertolin 10, Radolovich S. 7, Bobbo 6, Carraro 5, Ferraresso 4, Simion 2

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *