ra MBA @ Campocroce Last Shot

Mira MBA @ Campocroce Last Shot (hanno dato il nome alla squadra solo per la partita contro di noi)

– Pronti via, tanto a poco per noi alla fine del primo quarto, Cappellari con già 15 punti a referto.

– Con un vantaggio di 20 punti il Mira MBA inizia spavaldo il secondo quarto talmente spavaldo che a fine secondo quarto siamo sopra di 5 (circa)

– Il coach ricorda a Matteo che l’ha acquistato per il suo tiro sopraffino, se lo ricorda anche lui, alla successiva palla tira e segna. Viene sostituito col 100% dal campo.

– Dimitri fa tutto ciò che non è consentito da regolamento FIP (180 pagine) con e senza palla, fa un bel cenno di “ok, tutto chiaro” al coach. Tutt appost

– Nel terzo quarto un Jacopo Mazzonetto in versione Mujaidin (se si scrive così) entra in kamikaze su un avversario, gli spacca 3 costole e si prende il fallo. L’azione successiva chiederà cambio per pena nei confronti del Campocroce

– C’è un nuovo giocatore in campo, uscito dal nulla, segna dalla media come fosse un semplice lay up, a referto: Bosk Nowitzki

– Qualcuno si sta chiedendo perché non è ancora stato menzionato il capitano, tranquilli, arriva.

– Dopo aver dominato per 38 minuti, il Mira MBA va sotto di 2, Gazzato decide che se lo sono meritati e passa la palla ad un avversario che va in attacco, tira un mattone, prende fallo e segna i 2 liberi. – 4 Mira

– Si va in attacco, con 20 secondi alla fine, qualcuno tira, la palla esce, prende palla Chris Bosh ah no scusate Jacopo Mazzonetto che la passa a Ray Allen a no scusate Gazzato che tira in sospensione (di 6 cm) subisce un attacco suicida, si butta giù come solo lui sa fare, la palla entra e c’è il fallo.

– Meno 1 e tiro libero, i bookmakers danno immediatamente la quota per il canestro segnato sul libero di Gazzato, è di 1 milione, Gazzato incredibilmente segna. Valerio da casa aveva visto la notizia, fiducioso punta 1 euro su gazzato e si ritira in Messico col suo milioncino.

– Pari. 4 secondi alla fine. Time out. Ecco il capitano che fa si fa sentire: “Ragazzi l’unica cosa che dobbiamo fare è non farli andare sotto canestro”. Tutto chiaro.
Rimessa, prende palla l’attaccante del capitano, 1 metro e 95 per 130 kg, fa un primo passo bruciante ad una accelerazione di 2,8 km/h, è troppo anche per il capitano, che non può fare altro che guardarlo andare a canestro in reverse. La palla lascia le mani dell’attaccante circa mezzo secondo dopo il suono della sirena ma l’arbitro (che concordava con Jacopo che 25 euro son troppo pochi) decide che è ora di andare a mangiare il petto di pollo preparato da sua moglie a casa, canestro buono e partita finita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Connect with Facebook


*

© MBA – Mira Basket Amatori