Compatti fino alla fine

Ancora una volta a rosa ridotta tra varie problematiche di salute e non, il Mira affronta il Malcontenta nel suo gremito palazzetto, secondo a nessuno per coinvolgimento del pubblico e passione per questo sport.

Si parte subito forte, con un paio di canestri che sfruttano ingenuità difensive, dovute ad un Malcontanta troppo lento a prendere le misure. La 1-3-1 lascia qualche spazio sul fondo ed è li che si riesce a penetrare o piazzare qualche tiro, portandosi in vantaggio di qualche punto. Al buon attacco si alterna una discreta difesa a zona, decisa da un Parisi conscio delle possibili problematiche di ossigeno verso fine gara. 17 a 10 il quarto.

Nel secondo tempo il Malcontenta inizia a reagire andando a infastidire con del pressing le rimesse degli ospiti, spesso in difficoltà nel portare la palla al di là della metà campo, colpa anche della panchina corta a livello di guardie. Nonostante le palle perse, gli avversari non riescono ad approfittare delle occasioni risultando poco efficaci soprattutto dalla lunga distanza, forse anche grazie ai buoni movimenti della zona mirese. In sostanziale parità il quarto (17-16), e si torna negli spogliatoi con un +9 per l’MBA.

La ripresa inizia di nuovo sotto il segno dell’MBA, che riparte forte e piazza alcuni canestri in contropiede che aumentano il divario; peccato solo che – cosa comune a tutta la partita – spesso pur trovando buoni spazi per tirare non si riesca a capitalizzare come dovrebbe. Per fortuna il nervosismo degli avversari aiuta, e qualche tensione l’arbitro favorisce i tiri dalla lunetta e il parziale di 20 a 12 porta il Mira ad un passo dalla vittoria.

Nell’ultimo tempo le squadre si allungano, forse un po’ troppo, con un gioco confusionario che porta anche a dei coast to coast che poco aggiungono al gioco. Si fanno molti falli e si va molto in lunetta ma le percentuali della squadra di casa non saranno all’altezza di quelle degli ospiti, molto più precisa. Tuttavia il continuo e logorante pressing, unito ad una stanchezza che ormai si fa sentire pesantemente, permettono ai Lovers di recuperare qualche palla e segnare dei canestri facili: ingenuità che consentono di arrivare anche a -10 a 2/3 minuti dalla fine, sconvolgendo gli equilibri. Per fortuna la lucidità non viene meno e rallentando il gioco, e con qualche azione ragionata, si impedisce la rimonta e si chiude il match 75 a 62.

Ottima prestazione del Mira che continua a giocare un buon basket e dimostrare di esserci. Al di là di come andrà l’ultima – durissima – partita dell’anno contro i Punto G, sicuramente il girone di andata premia il buon lavoro svolto e l’impegno di tutti.

Tabellino: Lazzarin 18, Parisi 16, Frison 16, Manzoni 13, Radolovich 6, Fabris 4, Marin 2

PICCOLI PASSI

Senza sei giocatori tra infortunati o influenzati Mira porta a casa un buon risultato contro Venezia Stella Rossa.
Squadra ostica che con il ritorno di Martines (20 punti) ha fatto soffrire, a tratti, la squadra di casa con punteggio ad elastico che di volta in volta si avvicinava ma che alla fine vedeva l’MBA sempre avanti di qualche punto.
Un po’ di nervosismo da parte del Venezia ha rovinato il clima che non era certo ostile nei loro confronti.
Cinque punti di vantaggio nel primo quarto, quattro nel secondo, portavano Mira a nove lunghezze da Venezia alla fine del primo tempo ovvero 36 a 27.
Superato il terzo quarto con estrema fatica e consentendo alla squadra ospite di avvicinarsi pericolosamente con solo due punti di svantaggio, Mira si è riorganizzata ed ha ricominciato a giocare, seppure in bonus falli a più di cinque minuti dalla fine, finendo e vincendo la partita 61 a 52.
In conclusione l’MBA non ha mai perso la testa applicando gli schemi provati in allenamento ma quello che più conta ha mantenuto i nervi saldi anche nei momenti di difficoltà con coach Parisi in campo o in panchina che suggeriva che fare, Conte che metteva ordine e Frison che collaborava a far si che la squadra girasse nel giusto modo.
Unica pecca sono stati i tiri liberi dove su 19 assegnati ne venivano realizzati soltanto 3.
Ovviamente un grande Mazzonetto, con 25 punti personali ed solito Lazzarin sono stati fondamentali per consentire all’MBA di restare, per ora, in vetta alla classifica assieme ad ai Fever e Salzano.
Non c’è comunque tempo per festeggiare perchè la squadra dovrà affrontare a breve due squadre ben attrezzate: Malcontenta venerdi 14 e poi Salzano, ancora in casa, lunedi 18 con cui si concluderà il girone di ritorno.
Marcatori:
Mazzonetto 25, Lazzarin 11, Frison 7, Parisi 7, Manzoni 5, Radolovich S. 4, Marin 2.

Squadra

Si, per la prima volta si è vista la squadra MBA.
Non c’era il Coach Parisi ma la sua presenza si percepiva anche per merito del sostituto temporaneo Luca Conte che in brevi e pacati suggerimenti dava le giuste indicazioni ai giocatori. Che si sono divertiti oltre ad aver vinto bene.
Avanti nel primo, terzo e quarto tempo Mira ha costruito la vittoria sfatando la maledizione della terza frazione di gioco spesso sfavorevole.
Difese prima a uomo poi a zona e poi ancora a uomo ma sempre ben congegnate.
Attacco con due-tre schemi che cominciano a funzionare e il risultato lo dimostra.
I Bloopers sono un buona squadra e farà sicuramente bene ma in questa partita troppi errori al tiro, soprattutto da fuori, non le hanno permesso di dimostrare l’effettiva consistenza.
L’MBA con un gioco corale, che ha coinvolto tutti, è riuscita fin da subito a fare proprio il primo quarto con nove punti di vantaggio sui rivali. Nel secondo invece ha lasciato due punticini ma la squadra c’era e si faceva valere.
Il timore c’era nella ripresa ma, come già detto, la squadra era presente e lo ha dimostrato portando altri cinque punti in referto e così pure nell’ultima frazione di gioco.
Finiva 64 a 47 per Mira.
Tabellini:
Cappellari 16, Mazzonetto 14, Radolovich S. 11, Lazzarin 7, Marin 7, Frison 6, Radolovih E. 2, Manzoni 1.

Piccoli passi

Che la partita si presentasse ostica già lo si sapeva perchè oramai le squadre del torneo si conoscono più o meno tutte.
Infatti l’MBA ha cominciato a soffrire subito l’aggressività degli avversari che non lesinavano certo falli come è dimostrato dal referto che ne riporta 24 per la squadra di casa contro i 16 degli ospiti. Ma quello che conta, alla fine, sono i punti.
Il primo quarto finisce 20 a 16 per Bissuola che intimorisce Mira con superiorità sotto canestro.
Coach Parisi coadiuvato da Conte, in un primo time out, ha inquadrato la squadra che cominciava così a funzionare mettendo in pratica quanto provato negli allenamenti. Ovviamente c’è ancora molto da fare ma qualcosa all’orizzonte si vede.
Il secondo quarto finisce 25 a 17 per Mira che sorpassa Bissuola e si porta in vantaggio di 4 punti.
Ne secondo tempo si vede l’MBA schierata a zona dimostrando una presenza ed attenzione che, nel terzo tempo, non si vedeva da molto. Anche in questa frazione si portavano al tabellone altri cinque punti preziosi.
L’ultimo tempo si rivelava abbastanza equilibrato con Bissuola che tentava il tutto per tutto ma i ragazzi hanno resistito fino alla fine, complici i falli degli avversari e successivi tiri liberi che sono entrati con buonissime percentuali.
Finisce 72 a 59 per Mira.
Cappellari 18, Lazzarin 17, Boato 11, Manzoni 8, Radolovich S. 7, Marin 6, Parisi 4, Mazzonetto 1.

NUOVA STAGIONE VECCHI ERRORI

Difesa inesistente.
Subire 81 punti di cui 11 triple significa solo quello.
Mira dovrà lavorare proprio li perchè il potenziale c’è ma si gioca con troppa leggerezza.
Black Soul nel terzo tempo, bestia nera per Mira, è andata in bonus dopo meno di quattro minuti ma alla fine la differenza punti era comunque di 32 a 14 per gli ospiti.
Nulla da aggiungere se non il risultato finale di 81 a 60.
Tabellini: Cappellari, 15, Lazzarin 12, Angeletti 9, Mazzonetto 5, Radolovich S. 5, Parisi 5, Frison 5, Boato 2, Marin 2.

Si ricomincia

La prima persa con i Fever è stato l’inizio di questa nuova stagione di Basket.
La seconda invece ha dato altri risultati portando l’MBA alla prima vittoria stagionale.
Partiti in sordina con Campocroce che dai primi minuti andava in vantaggio ma che veniva raggiunto e superato in breve tempo. Tutta la partita, da quel momento, è stata in salita per i padroni di casa. Vero che si sono avvicinati alla fine del secondo quarto ma Cappellari, all’ultimo decimo di secondo, ha insaccato una tripla in torsione che valeva tutta la partita. Beh, anche i suoi 32 punti sono serviti…..
Da segnalare anche una tripla di Gaetani che, arrivata praticamente in orizzontale, non ha toccato neanche la retina.
Infine, nota positiva, tutti gli undici giocatori presenti sono andati a referto.
Finiva 67 a 48.
Tabellini:
Cappellari 32, Lazzarin 7, Mazzonetto 7, Marin 4, Boato 3, Gaetani 3, Frison 3, Fedalto 2, Radolovich S. 2, Fabris 2, Radolovich E. 2

INCOGNITA

L’MBA resta un’incognita per tutti.
Squadra che perde o è in difficoltà con le ultime ma nel contempo si fa apprezzare con la seconda in classifica.
Sempre con assenze importanti, come Cappellari o Salsi, ieri sera ha giocato alla grande con i Fever.
Molti si domandano cosa sarebbe successo, sinora, se fosse stata al completo ma non è tempo di recriminazioni o nostalgie perchè si deve guardare avanti positivamente.
Inizia male con gli ospiti che schiacciano malamente il Mira portandosi a + 13 alla fine del primo quarto dopo non poche palle perse oltre alle solite difficoltà.
Ma il quasi miracolo stava avvenendo nel secondo quarto in cui erano schierati i senatori dell’MBA oltre a Stefano R., alla sua seconda partita nella stagione, che si era assunto anche l’onere di coach vista l’assenza dei titolari assenti per impegni e malattia.
Non solo si recupera, ma il Mira finisce in vantaggio di due punti il primo tempo con risultato di 41 a 39.
Il terzo quarto ha visto un calo dell’MBA dovuto ad un inutile nervosismo che ha causato l’uscita per 5 falli di Boato che, ovviamente, sarebbe stato utile anche nell’ultima frazione di gioco.
Nonostante ciò si è giocato punto a punto fino alla fine dove hanno prevalso i Fever causa Bonus dell’MBA e conseguenti tiri liberi realizzati, in gran parte, da Vanin che sommano a nove oltre due canestri dalla breve distanza. In totale ne segna 34 e fa il suo record stagionale.
Finisce 84 a 75 per i Fever ma non c’è nulla da rimpiangere perchè il Mira ha fatto quello che doveva anche se troppe palle perse hanno compromesso, in parte, la partita ma la difesa ad uomo ha funzionato fino alla fine.
Marcatori: Frison 13, Radolovich S. 12, Mazzonetto 11, Boato 10, Bobbo 9, Carraro 7, Santini 7, Gottardo 4, Volpe 2.

MIRA C’E’

Privi di almeno 5 titolari causa infortuni o impegni di varia natura il Mira affronta Malcontenta a viso aperto mettendo in difficoltà comunque l’avversario per almeno tre dei quattro quarti.
Ciò ha dimostrato una buona crescita e presa di coscienza delle proprie capacità di giocatori che, in pratica, hanno fatto quasi 40 minuti salvo qualche breve pausa. In otto, compreso il coach, non si poteva pretendere di più.
Ciò nonostante il primo quarto, con difesa a zona, finiva 18 a 14 per la squadra di casa.
La difesa ad uomo, nella seconda frazione di gioco, portava i suoi frutti con un parziale finale di un solo punto negativo: 20 a 19.
La partita nella parte centrale poteva far sperare l’MBA in quanto il distacco non era mai più di due o tre lunghezze ma la stanchezza, alla fine, ha preso il sopravvento oltre ovviamente la lucidità nel gioco.
Che dire? Buona prestazione contro una squadra che si sta riprendendo dalle prime difficoltà, e lo si è visto anche con la vittoria sui Bloopers, anche se non sono mancate le solite palle perse causa ingenuità.
Si sono comunque viste azioni, da parte dell’MBA, degne di altri campionati con Santini, Mazzonetto ed il nuovo entrato Gottardo oltre a Boato e Frison.
Da migliorare la difesa oltre a qualche soluzione di attacco che vede comunque il Mira prima per punti realizzati.
Risultato finale: 78-59
Marcatori: Frison 18, Boato 12, Mazzonetto 11, Santini 11, Gottardo 6, Conte 1.

OSSETTI E POLENTA

Gara importante per entrambe le squadre ai fini della classifica.
Campocroce inizia alla grande mettendo in soggezione e il Mira, che difende a zona, con tre triple che non promettevano niente di buono. Fortunatamente anche la squadra di casa fa due centri da tre avvicinandosi un po’ nel punteggio che comunque risulta essere, a fine del primo quarto, di 13 a 17.
Aggiustate alcune cosette sia in difesa, ora a uomo, che in attacco si riprende con maggior convinzione ed aggressività. Il gioco e la determinazione nei rimbalzi sia offensivi che difensivi fa volare il Mira che termina il quarto con un parziale di 23 a 8 recuperando così i quattro punti ed aggiungendone 11 in positivo. Il primo tempo finisce 36 a 25.
Scaldate le braci durante l’intervallo, inizia il terzo tempo con i soliti ossetti e polenta che ovviamente hanno distratto la squadra di casa ma non il Campocroce che recupera ben sei punti in men che non si dica portandosi a -5 alla fine della terza frazione di gioco.
Di nuovo il coach aggiustava le cose e la smania di vincere degli ospiti aiutava l’MBA.
Infatti in breve tempo entravano in bonus con qualche fallo di troppo.
Si contano 10 liberi realizzati dal Mira nel quarto quarto con percentuali vicine al 100%.
Partita dai due volti come quasi tutte quelle del Mira che comunque sta migliorando nonostante l’assenza di pedine importanti.
Finisce 65-55.

Marcatori: Boato 27, Mazzonetto 10, Bobbo 8, Frison 5, Carraro 4, Gottardo 3, Radolovich E. 3, Zanetti 3, Santini 2.

DUE PUNTI

Oltre ai due punti, che fanno bene alla classifica, non si è visto gran che nella partita di ieri sera tra l’MBA, priva di almeno 5 titolari, con i Sea Mad Dogs.
Inizio con una fatica tremenda per inquadrare il canestro da parte del Mira che si vede anche in svantaggio nei primi minuti ma che alla fine del primo quarto rimette le cose a posto con un parziale di 9-14.
La seconda frazione di gioco va un po’ meglio anche perchè, finalmente, un buon Frison comincia a macinare gioco assieme a Boato. Il Caselle affronta l’incontro a viso aperto e come il Mira fatica a segnare lasciando così, punto dopo punto, un buon vantaggio all’MBA che si trova alla fine del primo tempo con il punteggio di 34 a 18 (parziale 20-9).
Non potevano mancare le emozioni del terzo quarto dove, ancora una volta, venivano dimenticate le misure dell’anello lasciando l’iniziativa al Caselle che rosicchia un punto.
Nell’ultima frazione di gioco il Mira si riprende il vantaggio concesso precedentemente e la partita termina 59 a 43.
L’MBA ha mostrato le solite carenze in difesa e sarebbe stata in difficoltà se i Sea avessero centrato qualche canestro in più. Partita comunque tranquilla e diretta bene.

Marcatori: Frison 18, Boato 17, Mazzonetto 12, Fedalto 5, Zanetti 3, Gottardo 2, Radolovich E. 2.

© MBA – Mira Basket Amatori